Opere

C'era una volta il KGB

C'era una volta il KGB

La storia di un imprenditore di larghe vedute, pioniere dell'internazionalizzazione, che quando ancora c'era la "cortina di ferro", la "guerra fredda" e il mondo era diviso in due blocchi contrapposti e quelle due metà del mondo non si parlavano se non per minacciarsi reciprocamente, aveva intuito che bisognava andare oltre quelle divisioni. Un uomo che sfidando la contrapposizione dei blocchi, si era lanciato in un'impresa impossibile, forse temeraria: aprire le strade dell'Est ai prodotti e alle industrie italiane. Un visionario Eugenio Benedetti? Un sognatore? Tutt'altro. Un uomo saldamente ancorato alla concretezza del lavoro, desideroso di fare e di rischiare, come è nella natura dei veri imprenditori.

Fonte: Maimone.it


  • Editore: Giuseppe Maimone
  • Anno di edizione: 2016
  • EAN: 9788877514141
  • ISBN: 8877514140
I capelli della Madonna e i marmi di Chu-en-Lai
Il ricavato della vendita sarà donato alla "Journée Mondiale des Troubles Bipolaires 2018"

Le produit de la vente sera destiné à la "Journée Mondiale des Troubles Bipolaires 2018"

I capelli della Madonna e i marmi di Chu-en-Lai

Les cheveaux de la Madone et les marbres de Chu-en-Lai

Eugenio Benedetti avrebbe potuto impigrirsi nella sua nativa Catania, fra gli aranceti paterni, una cattedra universitaria o un assessorato municipale e una brava moglie siciliana. Nulla di tutto ciò lo sedusse nei remoti Anni Cinquanta, in cui egli si lanciò alla conquista dell'Oriente. Le Cortine (di Ferro e di Bambù) non valsero a fermare il Benedetti, che ha conosciuto i potenti dell'Est ed ha costruito cento fabbriche sotto le loro bandiere: è stato uno dei primi italiani a riannodare i fili del commercio con la Cina, isolata dal mondo dopo la rivoluzione di Mao Tse Tung, che egli ha conosciuto di persona. Ma questo libro tratta particolarmente della sua amicizia con Ciu En Lai, la cui fiducia gli ottenne l'incarico di aprire le miniere di marmo che oggi esportano in tutto il mondo. Per i suoi ottant'anni (da tempo suonati!), Eugenio Benedetti ha ricevuto in dono una Barca di marmo di cento tonnellate, modello esclusivo del cenotafio dell'imperatrice Ci Xi, ov'egli incontrò Pu Yi, l'ultimo imperatore, nel lontano 1965. La realtà di questo libro è più di un romanzo, poiché ad essa si intreccia il dono della Reliquia dei «Capelli della Madonna» di Papa Giulio II, di cui Eugenio Benedetti è sulle tracce a bordo della sua Barca ancorata sul Monte Cimino.


  • Editore: Ciuffa Editore
  • Anno di edizione: 2013
  • EAN: 9788879250269
  • ISBN: -
Il lago della mente

Il lago della mente

Il Lago della Mente ci fa salire sopra il "letto del Viceré" – dopo avere, sia inteso, scalzato gentilmente il Monsignore catanese che era uso coricarvisi – per condurci per mano, come in una fiaba a cartoni animati, tra i colori dei ricordi. Già, perché i ricordi appaiono vividi, intrisi di tinte forti, di carni bianche e verginee tali da affannare anche il lettore, di drappi pregiati e puntuali specchi di vita quotidiana. Con questo non si vuole dire che la quotidianità debba per forza essere piatta e monotona: comunque sia, anche la più banale memoria si riempie di eroiche gesta. Vedete? Tutto torna! E torna ancora di più se il vissuto è poi davvero degno di nota, di situazioni che hanno fatto la Storia o nelle quali più semplicemente immergersi per conoscere la Storia. Si tratta spesso di avvenimenti lontani, differenti dalla nostra cultura ed al nostro credo pragmatico, ma capaci di suscitare attrazione, e perché no, una punta di invidia. Sicuramente invogliano alla conoscenza.Ma quel mondo trasudante dei profumi d'Oriente e del calore di terre rosse come il sangue o nere come la notte, poggia sempre sulle solide spalle di chi il mondo lo ha visto per, con modestia e attenzione, contribuire a cambiarlo.… Bene hai fatto, Eugenio, a fermare sulla carta le impressioni, i ricordi, le emozioni. E altrettanto bene fanno le tue emozioni a chi ti legge.

Fonte: Prefazione di Marco Buticchi


  • Editore: Nuovi Autori
  • Anno di edizione: 2008
  • EAN: 9788875683269
  • ISBN: 8875683263
Storie di un siciliano mezzo russo e un po' cinese

Storie di un siciliano mezzo russo e un po' cinese

Avvincente resoconto memoriale in cui l'Autore ripercorre con prosa fluente - a tratti ironica e venata di citazioni colte - i successi, gli incontri, le peregrinazioni tra Cina e Russia di un imprenditore italiano intraprendente. Autobiografia di largo respiro, in cui la meticolosità cronachistica trascende in afflato universale e l'esperienza individuale si stempera nella Storia d'Oriente degli ultimi cinquant'anni, di cui l'Autore, in veste di testimone sensibile ed originale, rende uno spaccato "intimista" nella galleria di ritratti di grandi uomini del nostro tempo: da Mao Tse Tung a Gorbaciov, da Gagarin a Pu-Yi, da Kruscev a Shevardnaze. Ne deriva una sorta di mirabile mitologia della storia russa e cinese, se non fossero i protagonisti tutti reali, umanizzati dallo sguardo acuto dell'Autore, che con abilità affabulatoria ci cattura e ci consegna vivida e struggente un'altra immagine d'Oltrecortina. Siciliano doc, Eugenio Benedetti ha girato il mondo per affari, conoscendo i potenti dell'Est e costruendo cento fabbriche sotto le loro bandiere. Alla soglia dei 50 anni ha finalmente incontrato la Donna giusta: con lei e i due figli continua a viaggiare per tutti i cinque continenti. Egli ha sempre tentato di "estrarre il pensiero contenuto in ogni cosa" e spinto dal desiderio di una instancabile "ricerca del Sé", è pervenuto al distacco di chi riesce a guardare fatti e misfatti della propria vita con ironia retrospettiva, in un esame di coscienza senza rimpianti, del cui bilancio farà da giudice il lettore.

Fonte: Unilibro.it


  • Editore: Nuovi Autori
  • Anno di edizione: 2004
  • EAN: 9788875680909
  • ISBN: 8875680906
Il terzo occhio

Il terzo occhio


  • Editore: Sallustiana Editrice
  • Anno di edizione: 1982
  • EAN: -
  • ISBN: -
Il rosolio dell'Arcivescovo

Il rosolio dell'Arcivescovo


  • Editore: Sallustiana Editrice
  • Anno di edizione: 1972
  • EAN: -
  • ISBN: -
L'ultimo milione

L'ultimo milione

"Nei lunghi viaggi che abbiamo compiuto attraverso tutta l'Asia, percorrendo lo stesso cammino degli antichi mercanti veneziani, sulla «via della seta» dall'Anatolia alla Cina favolosa, noi abbiamo potuto raccogliere le impressioni e le immagini dell'eterno Oriente, pur nella crisi della sua profonda rivoluzione odierna. Abbiamo voluto limitare la nostra ricerca alle immagini del vecchio mondo orientale, che lentamente scompare e si ritira dalle grandi metropoli ormai modernizzate, verso i monasteri ed i templi ed i villaggi tra l'austerità della gente semplice e conservatrice, là ove il colore dei costumi, il fascino dei riti, la purezza delle tradizioni sono tuttora intatti e radicati nella vita d'ogni giorno, nell'aspirazione ad ogni domani. Abbiamo voluto fissare il volto della sfinge asiatica, ancora una volta quale i racconti di Marco Polo la svelarono al sogno dei viaggiatori europei e riunire le esperienze di un moderno pellegrinaggio attraverso l'Asia antica, l'Asia di sempre."

Fonte: estratto del libro


  • Editore: Te.Dit.
  • Anno di edizione: 1962
  • EAN: -
  • ISBN: -
Italia 1952: Corporativismo e Feudalesimo

Italia 1952: Corporativismo e Feudalesimo

"Italia 1952: Corporativismo e Feudalesimo", fu dedicato a Don Luigi Sturzo, Ispiratore e Maestro... eccone la conclusione (di pag. 185):

Quale è l'obbiettivo della economia dei paesi comunisti, posta « al servizio dello Stato »? Il quesito sembra superfluo; nell'esperimento comunista, come in quello fascista dell'economia « statalizzata », « pianificata », « controllata », noi ritroviamo una identità di fattori e di méte al di sopra degli sbandieramenti sociali solo caratterizzati dalle differenze di razza, civiltà, tradizione dei vari popoli: la necessità, per lo Stato, di disporre di un efficace strumento per il perseguimento dei propri obiettivi politici, soprattutto esteri.

Ne deriva una chiara conclusione: vano è ricercare la presenza di un « bisogno sociale » determinante alla radice del processo storico di « assorbimento statale » delle economie nazionali. I fattori sociali, anche se proclamati « causa e scopo » assieme delle rivoluzioni, giuocano nell'economia dello Stato totalitario del '900 un ruolo puramente coreografico o incidentale.

La pianificazione economica statale acquista una funzione esclusivamente politica e strettamente collegata alle esigenze ed agli orientamenti della politica estera nazionale: noi potremmo giustificarla in Italia - del punto di vista storico e teorico - solo nel periodo del nostro grande sforzo di espansione, delle nostre guerre coloniali, della lotta per lo spazio vitale, che esigevano massima sincronizzazione e tensione di energie.

Fonte: l'Autore, Eugenio Benedetti


  • Editore: N. Giannotta
  • Anno di edizione: 1952
  • EAN: -
  • ISBN: -